Globalmagazine Natale Covid19

Shopping di Natale al tempo del Covid: 5 motivi per cui i regali online possono salvare l’economia

Durante la conferenza stampa del premier Giuseppe Conte che ha illustrato il DPCM destinato a regolamentare il periodo delle feste natalizie in tempo di pandemia da Covid, ci ha colpito molto un’affermazione a proposito del cosiddetto cashback di Natale, ovvero la possibilità, per chi acquisterà con carte di credito o bancomat, di riavere il 10% di quanto speso, purché tali acquisti non vengano effettuati online.

Lo spirito della norma, ha precisato il Presidente del Consiglio, sarebbe quello di favorire i negozi di quartiere a scapito delle grandi multinazionali online che da questa situazione avrebbero incrementato in maniera esagerata i guadagni.

Ma siamo davvero sicuri che sia sempre e soltanto questa la chiave di lettura?

5 Motivi per cui i regali online possono salvare l’economia (ed escluderli dal cashback di Natale è una stupidaggine)

  1. Clamoroso: a vendere online non sono soltanto le multinazionali “brutte, sporche e cattive”!
    Sembra un’ovvietà, ma moltissime di quelle attività micro e piccole che tanto si vorrebbero tutelare hanno invece come core-business proprio la vendita online; come conseguenza escludere tali attività dal cashback non è propriamente una scelta saggia…
  2. Rovescio della medaglia: anche le attività di quartiere possono decidere di vendere online.
    Nessuno vieta infatti ai negozi di prossimità di aprire un sito, magari contattando gli amici di G:Cube, e provare anche attraverso la piattaforma Shopify ad aggredire il mercato online. A questo punto è ancora giusto escludere anche loro dall’operazione cashback di Natale?
  3. Esistono vari tipi di shopping online: è giusto discriminare tutto e tutti?
    Chi utilizza piattaforme di Click and Collect per prenotare ad esempio il ritiro dei propri panettoni, permettendo anche il pagamento direttamente online, è giusto che venga penalizzato come se fosse Amazon?
  4. Espandere il proprio mercato anche online aumenta le vendite e incrementa i profitti: vogliamo davvero ostacolare la crescita o la ripresa dei commercianti e degli artigiani locali?
    Questo punto è auto-commentante, così come la riposta facilmente immaginabile.
  5. Davvero vogliamo far credere, nel 2020, che la bottega sotto casa non possa avere l’ambizione a guardare più in là del suo quartiere?
    Anche stavolta ci permettiamo una risposta rapida e sintetica: no.

Come è facile intuire dunque, non sempre il punto di vista più semplice in realtà è quello giusto, ma la colpa non è certamente solo della politica, perché è la percezione generale dello shopping online ad essere, quanto meno in Italia, ancora sbagliata e legata a stereotipi non più attualissimi.

Basterebbe comprendere il potenziale delle piattaforme online aperte a tutti per capire che la dicotomia manichea tra Amazon, Alibaba, Ebay e il ristorante che fa prenotare i pasti tramite app non è più così netta.

E quando si capirà che lo shopping online è un’opportunità e non un lusso, allora saremo pronti a compiere il grande passo.

Come al solito, per ogni informazione, approfondimento o semplicemente per un parere più approfondito sempre senza impegno vi invitiamo a contattarci attraverso il nostro form.

CONDIVIDI

Vedi anche

Global Magazine

Nuovo DPCM, nel momento più difficile, vicini alle imprese

Se non si tratta di lockdown, poco ci manca. Anzi, qualcuno sostiene che in fondo, …